Senza zucchero per un mese, una sfida contro te stesso

10 aprile 2017

Non sai dire di no se ti vengono offerti dei dolcetti e difficilmente resisti a una fetta di torta. Ognuno di noi ha delle debolezze…

Sei il tipo di persona che prende il caffè senza zucchero? Non bevi quasi mai bibite gassate? Non compri da un pezzo biscotti, merendine o cioccolatini?

Non hai bisogno di una cura “anti-zucchero”.

Quando vai al supermercato riempi il carrello di dolciumi e caramelle, se c’è un po’ di cioccolato in ufficio o a casa ne mangi qualche pezzetto, a casa di amici non sai dire di no se ti vengono offerti dei dolcetti e difficilmente resisti a una fetta di torta.
Ognuno di noi ha delle debolezze…

E allora, visto che ti piacciono i dolci, sfida te stesso: senza zucchero per un mese.
Primo giorno: opti per una colazione leggera

Ok, sei sulla buona strada! Ma, mettendo in ordine la spesa trovi un pezzo di cioccolato, ne tagli un pezzo e te lo mangi, senza neanche avere il tempo di rendertene conto.

Dopo 50 minuti dall’inizio della tua vita senza zucchero, hai già infranto il patto con te stessa. Un falso inizio insomma. Ma le diete non iniziano il lunedì?

Secondo giorno: Colazione rigorosamente senza zucchero

Non ti prepari niente in anticipo da portare in ufficio e rimani senza pranzo. Allora esci e opti per il giapponese, il sushi sembrerebbe una buona idea e mentre sei in fila per ordinarlo ti viene il dubbio che nel riso del sushi forse c’è lo zucchero. Allora sashimi sia.

La giornata di lavoro è molto intensa e non ti fermi un attimo.

Di solito in queste condizioni si trova un po’ di sollievo in qualcosa di dolce ma cerchi di farti forza e di sfamarti solo con qualche noce.

Arrivi a casa e ti prepari una cena leggera a base di proteine e verdure.

E’ fatta! Mangiare senza zucchero richiede molta forza di volontà.

Perché lo zucchero è così pericoloso?

È dappertutto, almeno nell’80% dei cibi preconfezionati.

Crea dipendenza e causa un po’ di scompiglio nel nostro organismo: manda su e giù i livelli di energia e fa lo stesso con i nostri ormoni. Col tempo queste fluttuazioni creano uno squilibrio nel funzionamento.

In più, se l’energia dello zucchero non viene bruciata subito si accumula sotto forma di grasso nel corpo.

3 cose da sapere sullo zucchero
  1. Lo zucchero si nasconde ovunque

Quando vai a fare la spesa leggi le etichette e troverai di sicuro lo zucchero tra gli ingredienti di molti prodotti.

Inoltre, si nasconde sotto varie forme: può non esserci scritto direttamente zucchero ma se gli ingredienti finiscono in -osio, contengono sicuramente zuccheri.

Una colazione con cereali, yogurt e frutta e un bicchiere di succo d’arancia può arrivare a contenere persino 14 cucchiaini di zucchero (il massimo raccomandato è 7).

  1. Più concentrazione e niente abbiocco

La concentrazione prende il posto della stanchezza. L’abbiocco intorno alle tre del pomeriggio sparisce e non hai più bisogno di zuccheri per affrontarlo.

  1. Pelle più bella

La pelle non è più tanto grassa nella zona T (fronte-naso-mento) come prima. Lo zucchero in eccesso ingrassa la pelle, può causare anche macchie e accentuare le rughe. Non basta prendersi cura della pelle dall’esterno, devi agire anche dall’interno.

Mangerai di nuovo alimenti zuccherati? Sì, Ma di sicuro starai più attento ai prodotti preconfezionati e limiterai la quantità di zucchero assunto.

Se vuoi raccontarci la tua esperienza esprimi i tuoi commenti nel nostro Form sotto. Grazie!

Credits by Runtastic

  1. Io ho provato, ho messo sulla bilancia l’equivalente di zucchero che mangio in un giorno e mi sono spaventata, ho riempito due ciotole da macedonia….. Tantissimo zucchero

  2. Non avevo mai pensato a controllare il contenuto di zucchero nei cibi che compro! farò questa prova grazie!

  3. Nella vita di tutti i giorni seguo una dieta senza zuccheri e posso garantire che i miei capelli grassi e la mia pelle ringrazia.. Ho imparato inoltre a fare dolci usando zuccheri alternativi e non raffinati e sto molto molto meglio di prima!!

  4. Grazie Laura per il tuo importante e interessante contributo.