Autunno in bellezza. I nostri consigli.

25 novembre 2016

L’ambiente naturale possiede dei bioritmi stagionali propri e come in natura anche il ritmo vitale della nostra pelle varia.

In Autunno, i trattamenti esfolianti sono preziosi alleati della bellezza in grado di donare una compattezza e una luminosità davvero sorprendenti

I motivi sono 2 in particolare:

Per prima cosa in Autunno il clima è ancora mite, le temperature legate alla stagione sono ideali e più confortevoli per una pelle che deve affrontare questo tipo di trattamenti.

Questo non vuol dire che non si possano fare trattamenti di esfoliazione durante l’inverno ma, quando il clima è più freddo la pelle subisce uno stress maggiore.

Quando si esfolia la cute, infatti, qualunque sia il tipo di cosmetico esfoliante utilizzato (a base di acidi o enzimi) la pelle in superficie risulta più secca del normale e il freddo, ovviamente, non fa che accentuare questa situazione.

Il fenomeno, per nulla dannoso e del tutto temporaneo, è un piccolo prezzo da pagare per avere in cambio un grande risultato.

Alla cliente che si sottopone ad un ciclo di trattamenti esfolianti consiglieremo sempre una crema più nutriente rispetto a quella che abitualmente usa e una maschera liporestitutiva da utilizzare una volta a settimana per ripristinare velocemente il patrimonio idrolipidico sulla cute, soprattutto per le pelli alipidiche.

La seconda buona ragione per eleggere l’autunno la stagione ideale per i trattamenti esfolianti è legata proprio all’influenza delle singole stagioni sulla pelle.

L’ambiente naturale possiede dei bioritmi stagionali propri. Ogni stagione ha caratteristiche specifiche e determina differenti sollecitazioni sulla cute (caldo, freddo, sole, ecc.). Ma non si limita a questo: proprio come in natura anche il ritmo vitale della nostra pelle varia.

Se analizziamo il bioritmo della pelle legato al periodo autunnale, rinnovamento e ristrutturazione sono proprio quello di cui abbiamo bisogno.

La stagione estiva mette infatti a dura prova la nostra cute, in quanto rappresenta il periodo di massima attività energetica e di massima sollecitazione.

C’è bisogno perciò di “riparare i danni” dell’estate causati dal maggior stress ossidativo, dall’iperattività e dalla maggior esposizione ai raggi UV per ripistinare un’ottimale attività fisiologica che ci permetta di affrontare al meglio l’inverno, altra stagione critica per la pelle.

I trattamenti di esfoliazione profonda permettono di trattare numerosi inestetismi.

Ottimizzare il turn-over cellulare, ridurre gli ispessimenti, schiarire le macchie melaniche, contrastare l’invecchiamento cutaneo e rendere la pelle più omogenea e compatta, preparandola al meglio per i trattamenti cosmetici restitutivi invernali.

Se utilizzati nella misura e nei tempi giusti, a seconda del tipo di pelle e dell’inestetismo da trattare.

By Deborah Tomasi – Beauty Expert